Dal latino dignitas, derivato da dignus cioè “eccellenza, nobiltà, valore”.

La parola dignità, è un termine che racchiude in sé una carica morale e psicologica di notevole spessore, specialmente in ambito politico, filosofico e in generale è direttamente collegato all’uomo in quanto tale.

Il tema della dignità è una della tematiche più affrontate in filosofia in particolare è stato approfondito dallo Stoicismo che riteneva tutti gli uomini egualmente detentori di dignità, indipendentemente dalle differenze sociali, economiche, razza, etc.

Dignità

Il logos umano infatti partecipa a quello divino e qualsiasi uomo, in quanto tale, è degno in quanto affine al divino.

Allo stesso modo, il cristianesimo riprende tale concetto in quanto l’uomo è immagine di Dio.

Quindi tutti gli uomini sono uguali in quanto partecipi della natura divina.

Le cose cambiano quando si affaccia sulla scena l’umanesimo e il rinascimento che allontana l’uomo dalla natura divina per collocarlo nella sua dimensione terrena e quindi detentore di un libero arbitrio che permette di compiere autonomamente le proprie scelte.

Infatti, oggi il termine è riferito principalmente alla tematica relativa ai diritti civili e a ciò che è legato alla natura terrena dell’uomo.

Questo è anche il risultato di ciò che è avvenuto durante la seconda guerra mondiale, dove la dignità dell’essere umano in quanto tale è stato distrutta dall’ideologia nazista, che proprio su questo aspetto ha lavorato per poter giustificare i terribili delitti contro gli ebrei e tutti gli altri esseri umani ritenuti inferiori.

Allo stesso modo, guardando al dibattito ancora più attuale, questo termine viene spesso riferito alla dignità delle donne. La loro dignità, infatti, viene spesso annullata da comportamenti violenti da parte di uomini che le ritengono inferiori o peggio oggetti e non persone.

Insomma, il termine è complesso e va certamente a toccare uno degli aspetti più delicati della persona in quanto essere umano.

Ma oggi che cosa intendiamo per dignità e dignità della persona? È qualcosa che è legato al divino o è qualcosa di terreno, con tutte le sfumature che i due aspetti comportano?

Film consigliato: Fuga per la vittoria, anno 1981, regista John Huston.

Libro consigliato: Stefano Rodotà, La rivoluzione della dignità, Napoli, 2013

Condividi su: