A, B, C, D, E, F…..siamo arrivati alla lettera G come gentilezza e gioia.

 

Federica ha voluto descriverci la gentilezza: questo comportamento discreto e delicato da mettere in atto innanzitutto verso se stessi. Un gesto quasi rivoluzionario se pensiamo ai tempi odierni, ma che ti permette ti entrare in sintonia con l’altra persona e aprirti al mondo.

Paola Nardon, psicologa e psicoterapeuta presso il CSM di Trento, ha voluto mettere in evidenza come possa nascere nuovamente quel sentimento prezioso chiamato gioia, anche in coloro che attraversano un periodo di sofferenza: in questo caso, la gioia diventa riscoperta di possibilità che non credevamo di avere.

#parolenonetichette


Iscriviti alla newsletter

Condividi su: