Sono diversi i pensatori contemporanei che hanno e continuano a dare un contributo notevole alla codificazione del nostro tempo. Tra questi, sicuramente, vi è Zygmunt Bauman.
Ebreo di origini polacche, Bauman è costretto a rifugiarsi all’estero a causa dell’antisemitismo e alla fine ad approdare in Israele.

Zygmunt Bauman_filosofia politica

Tra i temi fondamentali affrontati vi è senza dubbio quello della globalizzazione nel quale emerge la sua visione di una società liquida.
Un tempo, infatti, tutto era costruito solidamente, oggi, invece, i contorni sono sfumati e tutto può essere ridefinito in qualsiasi momento.
Tutto ciò incide, inevitabilmente, sia sulle relazioni umane che sulla politica all’interno del contesto del rapporto dell’individuo con le strutture e organizzazioni sociali.

Anche l’economia non è immune da questo e se ne evidenziano gli effetti all’interno del rapporto tra capitale e lavoro, entro il quale il lavoratore perde le tutele da parte dell’azienda, non avendo questa, a differenza della fabbrica della prima fase della modernità, uno spazio fisico di azione.

La globalizzazione, quindi, destabilizza la coesione sociale, annulla lo spazio ed il suo significato minando la sicurezza individuale a favore di un disagio dato da una libertà dettata dalla mera ricerca del piacere e, dalla paura generata dall’incertezza.

Afferma Bauman in La società dell’incertezza (Il Mulino): “La dissoluzione dell’ordine socio-politico che ha permesso alle bio-tecno-scienze di assumere la loro ben nota e sinistra tendenza genocida, ha cancellato alcuni pericoli dall’ordine del giorno, o almeno ha reso improbabile la loro replica nell’epoca della postmodernità. Ma i nuovi tempi e i nuovi assetti socio-politici, hanno procurato nuovi rischi -per ora solo intuiti e inesplorati…Il problema di come impedire loro di trasformarsi in realtà, configurerà probabilmente il contenuto dell’agenda politica del futuro. Altrimenti potrebbe non esserci più un futuro da forgiare:o, piuttosto, non ci saranno esseri umani in grado di forgiarlo”.

Spunti bibliografici:

 

[Tutte le immagini sono tratte da Google Immagini]

Condividi su: